Solidarietà Professoressa Dell’Aria

Rosa Maria Dell’Aria è un’insegnante di italiano dell’istituto industriale Vittorio Emanuele III di Palermo sospesa lo scorso undici maggio dall’ufficio scolastico provinciale perché non avrebbe «vigilato» sul lavoro di alcuni suoi studenti di 14 anni che, durante la Giornata della Memoria, avevano presentato un video nel quale accostavano la promulgazione delle leggi razziali del 1938 al “decreto sicurezza” del ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Maurizio Landini, segretario generale della CGIL, ha espresso la solidarietà di tutta la nostra organizzazione in un video diretto alla professoressa e postato sui canali social e sul sito della Cgil nazionale.
“Quanto accaduto – dice Landini – è un atto brutto che, in Italia, si inserisce in un quadro dove si verificano troppi atti autoritari e intimidatori che non possono essere accettati. Le istituzioni repubblicane a ogni livello hanno il compito di difendere la Costituzione e devono svolgerlo fino in fondo. Esprimiamo vicinanza alla professoressa, difendiamo il diritto degli studenti a dire quello che pensano e scendiamo in piazza perché in ballo c’è la libertà e la tenuta democratica del Paese”. “Invitiamo tutti – conclude il segretario generale della Cgil nel video messaggio – a mobilitarsi fino al rientro al lavoro della professoressa Dell’Aria perché solo così avrà prevalso la Costituzione, la libertà e la democrazia”.
(Il video è disponibile qui: https://www.facebook.com/92505448987/videos/324289311597950/)

Noi come APIQA CGIL non possiamo restare silenti di fronte a situazioni che toccano in maniera violenta e dolorosa aspetti che fanno parte della nostra ragion d’essere come organizzazione sindacale di rappresentanza: la libertà di pensiero e parola, la formazione intellettuale e la tutela di chi opera in questo ambito.

APIQA esprime la propria vicinanza alla Professoressa Dell’Aria ed esprime una ferma condanna ed indignazione verso questi atti palesemente intimidatori.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.